Lo shampoo e la detersione dei capelli

shampoo

Cos’è lo shampoo

Lo shampoo è un prodotto viscoso applicato sui capelli bagnati per pulirli1,2.

Infatti, a causa del contatto con gli agenti esterni e alla secrezione di sebo, i capelli si sporcano. L’utilizzo regolare di uno shampoo consente ripulire il capo: liberando il sebo in eccesso, si ha una intrinseca sensazione di pulizia e un miglioramento dell’attrattività.

Il detergente trova le sue origini in India, dove sin dall’antichità varietà di erbe sono sfruttate per lavare i capelli.

Al giorno d’oggi sono disponibili diversi tipi di prodotto, con una composizione chimica che può variare a seconda dell’utilizzo. Esistono detergenti appositi contro la forfora e contro la caduta dei capelli.

Inoltre, è possibile ricorrere a shampoo in caso di capelli grassi o dermatite seborroica.

 

Storia dello shampoo

Il termine shampoo, attribuito inizialmente al verbo massaggiare, compare per la prima volta nel dizionario europeo nel 1762. Tale parola fu introdotta a partire da termine hindi champna, ovvero massaggio.

All’inizio lo shampoo era realizzato a partire da pezzi di sapone ed erbe: questo composto veniva immerso in dell’acqua bollente ed usato per profumare e detergere i capelli.

Con il passare del tempo, comparvero i primi shampoo classici in Indonesia: questi erano realizzati con cenere e riso, formando una schiuma con l’acqua.

 

La detersione dei capelli

Detergere i capelli è un aspetto importantissimo per mantenere in salute e preservare la nostra capigliatura. Infatti, prendersi cura del cuoio capelluto aiuta anche a prevenire la comparsa di patologie cutanee: dermatiti, forfora e seborrea ne sono alcuni esempi.

Il detergente è tipicamente un liquido più o meno viscoso che viene applicato ai capelli bagnati: dopo essere stato applicato, massaggiando i capelli, deve essere risciacquato.
La detersione rimuove lo sporco che si crea nei capelli, ma allo stesso tempo deve garantirne la salubrità. Per questo motivo, è necessario scegliere un cosmetico, tra i diversi tipi, che si adatti alla singola persona.

Nel caso specifico di un trapianto di capelli, detergere i capelli ha una valenza notevole.

 

Caratteristiche dello shampoo ideale

Uno shampoo ideale deve avere alcune proprietà imprescindibili:

  • Consentire la rimozione dello sporco dell’ambiente che di quello auto-indotto: ovvero, deve lavorare sia a livello esogeno che endogeno.
  • Permettere di proteggere la cute, ristabilendone il pH naturale.
  • Idratare il cuoio capelluto, essendo tollerabile e non inducendo irritazioni.
  • Garantire l’uso specifico per cui è destinato.

 

Come agisce lo shampoo nella detersione

Il cosmetico, applicato ai capelli, agisce sia sul cuoio capelluto che sui capelli stessi. In particolare, esso entra a contatto con una barriera naturale formata da grassi e acqua, detta film protettivo.

Il film protettivo deve mantenere un equilibrio specifico tra acqua e lipidi per avere una pelle sana. In questo senso, lo shampoo equilibra ed idrata i componenti della barriera, conferendo morbidezza, lucentezza ed elasticità.

 

Composizione chimica degli shampoo

I detergenti classici sono formati da due componenti principali: acqua e tensioattivi. Questi ultimi abbassano la tensione superficiale dell’acqua oltre ad essere solubilizzanti, emulsionanti e bagnanti.

È possibile dividere i tensioattivi in:

  • Anionici: sono acidi carbossilici alcalini o ammonici, con carica elettrica negativa. Un esempio sono i saponi.
  • Cationici: sono ammine, o derivati dell’azoto, con carica elettrica positiva.
  • Anfoteri: sono anionici in ambienti alcalini e cationici in ambienti acidi.

 

Shampoo per uso specifico

La funzionalità primaria di uno shampoo è pulire i capelli dallo sporco. Tuttavia, esistono anche altre azioni specifiche che uno shampoo può avere. In tali situazioni è consigliato rivolgersi al proprio medico curante per un’azione mirata.

Azione antiforfora

La forfora è un insieme di cellule morte del cuoio capelluto che si accumulano in modo repentino. Questa condizione, oltre ad essere anti-estetica, è tipicamente associata da pruriti e infiammazione.

Per combattere la forfora esistono degli shampoo antiforfora specifici: questi riequilibrano il cuoio capelluto ed il suo pH. I risultati sono capelli più sani e più luminosi.

Detergente anticaduta

La caduta dei capelli è una problematica che affligge sempre più uomini e donne. Ciò che può indurre i capelli a cadere può essere di varia natura: genetica, stress psichico o traumatico, disfunzioni.

Lo shampoo anticaduta contiene i principi attivi contro la caduta dei capelli. In primo luogo inibisce l’enzima 5-alfa-reduttasi, responsabile principale della conversione del testosterone in DHT, alla base dell’alopecia androgenetica. In secondo luogo, attiva il collagene e ripara il tessuto corneo. Inoltre, permette di stimolare l’ossigenazione del cuoio capelluto.

Il detergente anticaduta contiene sostanze particolari come il saw palmetto e l’ortica: tali sostanze permettono di inibire l’enzima 5-alfa-reduttasi

Trattamento dei capelli grassi

I capelli grassi sono caratterizzati dalla presenza eccessiva di sebo. Questo, prodotto a partire dal cuoio capelluto, se in eccesso sporca i capelli.

In questi casi particolari è utile usufruire di uno shampoo per capelli grassi: questi cosmetici aiutano a ridurre la produzione intrinseca di sebo, risolvendo il problema alla base. Infatti, questo evita la creazione di lieviti e micosi, riducendo la sensazione di unto e oleoso nei capelli.

Shampoo per la dermatite seborroica

La dermatite seborroica è una dermatite che provoca rossore e prurito al cuoio capelluto.

È una patologia causata da un’eccessiva secrezione di sebo. Le sue cause possono essere: ereditarietà, alterazioni ormonali, stress o traumi.

Per trattare questa particolare condizione si può usufruire di particolari shampoo. I detergenti impiegati in tali situazioni consentono di riequilibrare la cute e rimuovere le impurità, prevenendo irritazioni ed aggressioni.

 

Conclusioni sullo shampoo

Lo shampoo è un cosmetico utilizzato per lavare i capelli dagli agenti esterni e da quelli autoindotti.

Consiste in un liquido viscoso applicato ai capelli bagnati, che poi vengono massaggiati e risciacquati.

Gli shampoo entrano a contatto con il film protettivo del cuoio capelluto, ristabilendone l’equilibrio tra acqua e lipidi. Essi proteggono il cuoio capelluto, idratano i capelli e prevengono l’insorgere di patologie.

I detergenti impiegati per i capelli sono composti da tensioattivi classificabili in anionici, cationici e anfoteri.

Esistono degli shampoo ad azione specifica. Per il trattamento della forfora, i cosmetici ristabiliscono il pH naturale della pelle. Per combattere la caduta dei capelli, gli shampoo appositi coadiuvano i principi attivi anticaduta. Invece, per il trattamento dei capelli grassi, agiscono riducendo la secrezione di sebo. Infine, per risolvere la dermatite seborroica, rimuovono le impurità e riequilibrano le pellle.

 

Riferimenti

[1] MB Grote, GD Russell – US Patent App. 07/517,111, 1994

[2] https://en.wikipedia.org/wiki/shampoo

Iscritto al forum Ieson dal 2007, Salusmaster dal 2007 e Bellicapelli dal 2010, moderatore globale del forum Bellicapelli. Creatore di: bellicapelliforum.com, blogcalvizie.it, beautymedical.it, alliance4hair.com, insalacoclinic.com e gestore di oltre 20 website che trattano il tema della perdita dei capelli. Responsabile marketing, comunicazione e CRM nello Staff di Milena Lardì dal 2012. Partecipazione attiva ai più importanti meeting mondiali sulla chirurgia della calvizie. Da maggio 2020 sono consulente con esclusiva nazionale per il Web della dott.ssa Chiara Insalaco.